Dolore Addominale Transitorio: Come prevenirlo?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il dolore addominale transitorio durante l’esercizio, è una condizione comune in numerose attività sportive. La prevalenza di questa sintomatologia avviene in sport come: nuoto, corsa, equitazione, attività in palestra, basket, ciclismo. Il dolore è molto simile tra individui nelle diverse attività sportive. La progressione verso il dolore acuto e lancinante, in genere costringe il soggetto a interrompere l’attività o rallentare, ma comunque è per lo più benigno. In circa l’80% dei casi, il dolore è per lo più localizzato nel medio-alto addome, in particolare lungo il confine costale. Il dolore è 2 volte più comune nel lato destro rispetto al lato sinistro, anche se il dolore lato sinistro può essere più diffuso tra i giovani.

FATTORI PERSONALI

Diversi studi hanno dimostrato che i giovani sono più sensibili a questo dolore, infatti in alcuni studi, il 77% delle persone con questo dolore, aveva un’età inferiore ai 20 anni. Sia la prevalenza che la gravità, si riducono con l’aumentare dell’età, ed è raro prima dei 10 anni. Viene segnalato più prevalente nelle donne, anche se non c’è una direzione univoca della letteratura. Un elevato livello di allenamento del soggetto, può diminuire la comparsa di questo dolore, ma comunque può colpire anche atleti ben allenati. In alcuni studi, individui con scarso allineamento posturale erano più predisposti a questo dolore, ovvero gli individui con ipercifosi. È stato visto che il dolore addominale transitorio è più prevalente in attività che coinvolgono il tronco in gesti ripetitivi come la corsa. L’intensità dell’esercizio è in grado di influenzare il dolore, anche se può verificarsi anche durante le attività di bassa intensità. Infatti alcuni studi hanno riportato che il 31% dei corridori ha sperimentato il dolore durante una passeggiata.

FATTORI ALIMENTARI

Il consumo di cibo o bevande prima dell’esercizio può portare questo dolore. Negli studi circa la metà delle persone che hanno segnalato il dolore durante una corsa/passeggiata, riportavano nel pre-esercizio, l’ingestione di una bevanda. È interessante notare quindi che non dipende dal contenuto del pasto: carboidrati (zucchero, amido), grassi, proteine. Successivamente studiosi hanno confrontato il consumo di una soluzione isotonica e ipertonica durante l’esercizio su tapis-roulant, e si è visto che la soluzione isotonica evocava meno sintomi, ma quella ipertonica invece dava maggiori sintomi.

COME SI GESTISCE?

Per evitare il dolore addominale, cibo e bevande dovrebbero essere evitate almeno 2 ore prima di esercizio, e 3-4 ore per le persone più vulnerabili. Durante l’esercizio fisico, piccole ma regolari quantità di liquidi possono essere tollerati. Bevande ipertoniche dovrebbero essere evitate. Migliorando anche la postura si ha una riduzione dei sintomi soprattutto nei bambini. Per avere sollievo quando il dolore è presente, in letteratura si consiglia di attuare una respirazione profonda, comprimendo lievemente sulla zona interessata che si estende, infine chinarsi in avanti. Questo dolore è una condizione comune, vissuta da circa 1 persona su 5. E’ tipicamente localizzata nel lato e metà addome lungo il confine costale, anche se può verificarsi in qualsiasi regione dell’addome. E’ aggravata dalla condizione post-prandiale, in particolare a causa di bevande ipertoniche, ed è più comune nei giovani, ma non necessariamente legate al sesso. Le strategie di prevenzione includono:

– Evitare grandi volumi di alimenti e bevande almeno 2 ore prima dell’esercizio, soprattutto bevande ipertoniche

– miglioramento della postura, soprattutto nella regione toracica e lavorare per migliorare la muscolatura del tronco in generale

BIBLIOGRAFIA

Darren Morton, Robin Callister “Exercise-Related Transient Abdominal Pain (ETAP)” Sports Med (2015) 45:23–35 DOI 10.1007/s40279-0140245-z

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Dott. Fabio Perna

Chinesiologo Clinico (Specialista in Esercizio Fisico Adattato). Aree di interesse: Osteoporosi - Cardiopatie - Recupero Motorio Post-riabilitativo - Rieducazione Posturale - Malattie Metaboliche (Diabete Mellito, Sindrome Metabolica, Obesità) Consulenza: dott.fabioperna@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *